Storie in Digitale

Category: Blogging (page 1 of 2)

2 Cose da fare (assolutamente) prima di Scrivere

Ogni qualvolta devo scrivere un nuovo articolo, entro un po’ nel pallone. Tutto quello che devo dire, è già lì nella mia testa. Mi sembra chiarissimo. Quando decido di trascriverlo su carta o su schermo, magicamente non appare più così chiaro. Le parole si bloccano. Ciò che era chiaro ora è confuso o forse lo è sempre stato. Se c’è una cosa che ho imparato in questi anni è che il processo di scrittura non comincia dalla prima lettera.

Si scrive due volte. La prima fase di scrittura comincia nella nostra testa e oggi parliamo di questo. Per l’occasione ho selezionato due operazioni che procedono la fase di scrittura vera e propria. Questo e altri consigli simili, puoi trovali nel “Mestiere di Scrivere” di Luisa Carrada. Una di quelle persone che è stata capace di trasformare la scrittura in un lavoro. Se vuoi trasformare la passione per le parole in un lavoro concreto, non puoi assolutamente astenerti dalla lettura di questo libro.

Restringi il campo

Esistono parole abusate. Parole che hanno perso la forza di un tempo perché usate a sproposito. Divenute scontate, forse addirittura pompose. Le usiamo spesso perché ci donano sicurezza. Ci danno l’impressione di non poter sbagliare. Per questo motivo scriviamo: Azienda dinamica, performance, network di professionisti, innovativo…

Non esiste un elenco esauriente. Ogni settore ha le sue paroline abusate. L’unica soluzione è restringere il campo ottenendo una lista di parole da evitare. La lista crescere. Col tempo si aggiungono nuove parole e tu diventi più bravo a riconoscerle. I nostri testi migliorano in originalità e sembrano meno scontati. Tieni una lista aggiornata per ogni settore e consultala in fase di revisione.

Non esiste una tecnica segreta che ti permetterà di riconoscere queste parole. L’unica soluzione è leggere e sperimentare. Scrivi e rileggi ciò che hai scritto, leggi i testi di altri prodotti simili e comparali con i tuoi. Fai esperienza e scrivi ogni giorno. Il tempo ti aiuterà a riconoscere quelle parole che hanno perso il lustro di un tempo. Abbandonale, o almeno usale con moderazione. Trova nuove parole e sostituiscile. Non si tratta di una costrizione ma al più, di un gioco divertente. Un gioco che è in grado di migliorare il tuo modo di scrivere.

Raccogli tutto il materiale

Sembra scontato ma non lo è. Spesso ci gettiamo a capofitto nella scrittura. Raccogliamo materiale in maniera veloce e frettolosa. Iniziamo a scrivere con un’idea approssimata e spesso ci accorgiamo che non funziona. Può essere un esperimento interessante, ma è un esperimento rischioso.

Prima di cominciare a scrivere qualsiasi cosa – un romanzo, un articolo per il blog, un racconto, una tesina o un saggio – raccogli e ordina tutto il materiale necessario. Crea una mappa concettuale e usa evernote o un programma simile, per catalogare gli articoli, i pdf, i video o i podcast che ti interessano. Attraverso la tua mappa concettuale avrai un’idea chiara dei collegamenti. Prima ancora di inizia a scrivere avrai già costruito un percorso. Questo è uno dei consigli più utili per evitare il blocco da pagina bianca. Una volta che hai definito il percorso, puoi decidere di cominciare dalla conclusione o semplicemente da un paragrafo. Raccogliere il materiale sintetizzandolo in una mappa concettuale, ti aiuterà a trovare nuovi collegamenti. Inaspettatamente troverai nuova linfa per il tuo articolo e lo spunto per ulteriori approfondimenti.

Spero che l’articolo di oggi ti sia piaciuto. In questa settimana cercherò di aumentare la frequenza di pubblicazione sul blog. Non si tratta di un’operazione di marketing, questo è uno spazio personale e da quando è stato aperto ha seguito questa logica: ho qualcosa da dire? Pubblico. In queste settimane ho accumulato tanto materiale e allora ho deciso di scriverci un po’ di più. Spero di non annoiarti e buon Lunedì.

PS: Ti ricordo di acquistare il libro di Luisa.

Apri il tuo blog gratis con Blogger (ex Blogspot)

È possibile aprire un blog gratuitamente? Si è possibile e non è nemmeno una cattiva idea. Certo è che bisogna chiarire le motivazioni che ti spingono a mettere le mani sulla tastiera. Se il tuo desiderio è quello di guadagnare uno stipendio dignitoso, forse dovresti riconsiderare l’idea. Ma se le motivazioni che ti spingono ad aprire il tuo blog sono ben altre: Blogger (ex blogspot) potrebbe essere la soluzione.

Se stai cercando una buona ragione per aprire un blog gratis, ti consiglio di leggere l’articolo di Riccardo Esposito: ne ha trovate sei.

Cos’è Blogger (ex Blogspot)?

Blogger è il servizio -gratuito- di Google per la creazione di un blog. Il vantaggio di blogger è che oltre ad essere gratuito è perfettamente integrato con i servizi Google. La semplicità di questo CMS è il suo punto di forza. Aprire un blog gratis con blogger richiede un unico pre-requisito, possedere un account Google. Se non possiedi un account Google – cosa altamente improbabile soprattutto se possiedi uno smartphone android- devi necessariamente crearlo, e ti basteranno pochi semplici click per farlo.

Una volta creato, ti basterà andare su blogger e in automatico ti verrà chiesto di completare la registrazione. Il tuo account verrà automaticamente collegato al tuo profilo Google plus e finalmente potrai passare alla creazione del tuo blog.

L'immagine mostra un pulsante con la scritta crea blog. Crea il tuo blog gratis con blogger ex blogspot

Come si crea un blog con blogger?

Facendo click sull’unico pulsante arancione di tutta la schermata, si aprirà il form di creazione. Compilarlo è davvero elementare, ma osserviamo i singoli campi:

  • Titolo: è appunto il nome del blog, da non confondere con l’indirizzo.
  • Indirizzo: l’indirizzo attraverso cui è possibile raggiungere il tuo blog.

Una volta compilato il form protrai scegliere uno dei nove template disponibili. Se ti sembra che i temi di Google non sia eccezionali non posso darti torto. Posso assicurarti che sono funzionali e ben indicizzati, ma per quanto riguardo l’aspetto grafico lasciano un po’ a desiderare. Rispetto ai temi precedenti è stato fatto un ottimo lavoro e sono sicuro che continueranno a migliorarli.

L'immagine mostra il pannello di creazione di blogger(blogspot). Il primo passo per creare il tuo blog gratis è utilizzare questo pannello

Scrivere il primo post

Dopo aver scelto titolo, indirizzo e tema il blog è già pronto per essere popolato. Verrai automaticamente reindirizzato al pannello di amministrazione del tuo blog. Le voci del menu parlano da sole ed intuitivamente è possibile capirne il funzionamento:

  • Post: qui troverai l’elenco degli articoli che hai pubblicato e salvato in bozze.
  • Statistiche: grafici e numeri delle visite al blog e ai singoli post.
  • Commenti: tools per la gestione dei commenti.
  • Profitti: vuoi guadagnare con il blog? Inserisci annunci di Addsense e gestiscili da qui.
  • Campagne: utilizza Adword per pubblicizzare il tuo blog e gestisci le campagne direttamente da Blogger.
  • Pagine: al contrario dei post sono visualizzabili nel menu di navigazione e non appaiono nella home come gli articoli. Per farti un esempio potrei citarti la pagina chi sono o la pagina servizi. Le pagine non finiscono all’interno del tuo feed rss e al contrario dei post non è possibile assegnargli una categoria (etichetta).
  • Layout: qui avrai la possibilità di aggiungere gadget (quelli che in wordpress vengono chiamati widget) e spostare quelli presenti da una parte all’altra della pagina.
  • Tema: vuoi cambiare o personalizzare il tema del tuo blog? Questo è il posto giusto. Se hai un minimo di dimestichezza con html e css potrai cimentarti alla modifica diretta del codice, altrimenti puoi affidarti all’editor visuale di Google.

L'immagine mostra il pannello per l'impostazione dei temi di blogger (blogspot)

Pronto per il primo articolo su blogger? Per crearlo ti basterà fare click sul pulsante: Nuovo Post.

Ad attenderti sarà l’editor visuale di blogger. Usalo come se dovessi scrivere su word e non dovresti avere problemi a capirlo. Le opzioni sulla destra meritano invece un po’ di attenzione in più.

  • Etichette: puoi usarle per catalogare i tuoi articoli per argomento.
  • Pianificazione: puoi decidere di pianificare la pubblicazione del tuo post, blogger lo manderà online al posto tuo.
  • Permalink: è l’indirizzo dell’articolo. Viene ricavato in automatico dal titolo, ma è possibile inserirne uno personalizzato.
  • Ubicazione: puoi usarlo per inserire la tua posizione.
  • Opzioni: nulla di estremamente necessario per il tuo primo post.

Blogger menù per la scrittura del post. Apri un blog gratis e scrivi il tuo primo post da qui

 

Le impostazioni che vanno modificate

Prima di pubblicare il tuo primo Post ci sono alcune impostazioni da modificare. Prendi il mouse e fai click su impostazioni. Adesso scendi alla seconda voce del menu impostazioni e clicca su “Post, commenti e condivisioni”. Qui ci sono alcune impostazioni che dovrai necessariamente modificare.

La prima è sicuramente l’impostazione relativa alla moderazione dei commenti. Di default è impostata su mai, sbrigati a portarla su sempre. È bene che tu abbia il massimo controllo sui commenti del tuo blog.

La seconda impostazione riguarda i requisiti necessari per la pubblicazione di un commento. Di default è impostata su utente registrato, portala su chiunque. Un blog vive di commenti e condivisioni. Per avere maggiori commenti devi semplificare il processo.

Non mi addentrerò ancora nel mondo di Blogspot (sono nostalgico lo so). Adesso hai tutte le informazioni necessarie per cominciare la tua attività di blogger. Aprire il tuo blog con una piattaforma gratuita non è una scelta comoda, è una scelta di cuore e passione. Significa che hai la voglia di condividere le tue conoscenze e di farlo anche senza guadagnare cifre esagerate. Se il tuo obbiettivo principale non è il profitto e hai voglia d’imparare, mettiti alla prova.

Questo è un altro di quegli articoli lunghetti. Spero tu sia arrivato fino alla fine. Se dovessi riscontrare problemi con la creazione del tuo blog non esitare a contattarmi. Per farlo puoi usare i commenti 😉

Un abbraccio e alla prossima.

Olderposts

Copyright © 2017 Storie in Digitale

Theme by Anders NorenUp ↑